«

»

Esonero L.208/2015

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 LinkedIn 0 Google+ 0 Filament.io 0 Flares ×

1. Esonero contributivo  (L. n. 208 del 28.12. 2015)

La Legge di stabilità (L. 208-2015)  ha modificato gli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato rispetto al 2015.

Nuovi requisiti:

  • le agevolazioni non durano più tre anni, ma solo due
  • l’esonero dal versamento scende al 40% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro
  • il limite massimo di esonero viene ridotto a 3.250 euro su base annua.

L’esonero spetta a condizione che:

  • nei 6 mesi precedenti l’assunzione, il lavoratore non sia stato occupato a tempo indeterminato presso qualsiasi datore di lavoro;
  • nei 3 mesi antecedenti la data di entrata in vigore della legge di Stabilità (quindi 1°ottobre – 31  dicembre 2014) il lavoratore non abbia avuto un contratto a tempo indeterminato col datore di lavoro richiedente l’incentivo, anche se dipendente presso   società controllate o collegate (art. 2359 c.c.) o facenti capo, anche per interposta persona, allo stesso soggetto.

L’esonero riguarda tutti i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, quindi:

  • operai, impiegati, quadri, dirigenti;
  • part-time (in proporzione all’orario di lavoro);
  • soci di cooperative di produzione e lavoro;
  • lavoratori con contratto di lavoro ripartito (job sharing);
  • lavoratori con precedente rapporto di lavoro intermittente a tempo indeterminato; 
  • lavoratori con contratto a termine nei sei mesi precedenti, in caso di trasformazione a tempo indeterminato.

L’agevolazione contributiva spetta anche nei casi di instaurazione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato con lavoratori che hanno o hanno avuto, col datore di lavoro che assume, contratti di lavoro autonomo, collaborazioni coordinate e continuative, a progetto, partite IVA, associazioni in partecipazione.

La fruizione dell’esonero contributivo triennale è subordinata:

  • alla regolarità contributiva (DURC);
  • all’osservanza delle norme poste a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, di cui al D.lgs. n. 81/2008, in particolare DVR, RLS, RSPP, nomina medico competente, formazione e informazione lavoratori;  
  • al rispetto di accordi e contratti collettivi nazionali nonché quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Con la Legge di Stabilità 2016 e la circolare INPS 57/2016 e’ stata prevista una proroga dell’esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato che verranno effettuate nel 2016 e stabilisce che:

  • periodo di decorrenza del beneficio: dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016;
  • durata dello sgravio contributivo: massimo 24 mesi;
  • esonero dal versamento del 40% dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro;
  • limite massimo dell’esonero: 3.250,00 euro anni.

Gli sgravi contributivi per assunzioni 2016 nel settore agricolo

Per i datori di lavoro del settore agricolo le disposizioni generali  hanno alcune limitazioni , ad esempio non comprendono gli apprendisti e verranno riconosciute sulla base dell’ordine cronologico di invio delle richieste. 

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 LinkedIn 0 Google+ 0 Filament.io 0 Flares ×

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Cliccando su "Accetto" consenti di utilizzare il sito con i cookies indicati. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi